Permesso Raccolta Funghi Cansiglio: zone e consigli per la raccolta di funghi in Cansiglio e Alpago

L’Alpago, con le sue varietà climatiche e territoriali, è territorio ideale per appassionati della raccolta funghi, sia per fungaioli amatoriali che veterani. Teoricamente è possibile andare a funghi tutto l’anno, ma vediamo di seguito tutte le cose da sapere per la raccolta funghi in Alpago e Cansiglio.

>> Scopri la Guida Completa al riconoscimento e ricerca dei Funghi cliccando qui <<

Andare a funghi in Alpago è una attività poliedrica, in quanto consente di: 

  • Fare leggera attività fisica, 
  • Rimanere a contatto con la natura e il bosco, 
  • Osservare paesaggi mozzafiato
  • Ma soprattutto, raccogliere succosissimi funghi per risotti, insalate e molte altre delicatezze

Quando si trovano funghi in Cansiglio e Alpago?

Il periodo migliore per andare a funghi in Cansiglio solitamente è tra agosto e ottobre, quando il clima è mite e saltuariamente piovoso. I giorni dopo la pioggia solitamente sono quelli più proficui per trovare tanti funghi!

Ovviamente, se tutti andassero a funghi senza regole, i funghi prima o poi scomparirebbero. per questo motivo esistono specifici regolamenti gestiti a livello governativo locale.

I regolamenti raccolta funghi hanno il fine di:

  • tutelare la conservazione del patrimonio naturale;
  • conservare ecosistemi dipendenti dalla presenza dei funghi;

Raccolta funghi Alpago:

In questa sezione ci occuperemo della disciplina per la raccolta dei funghi epigei e spontanei nell’ambito del territorio dell’Alpago.

Titolo per la raccolta di funghi: cosa serve e quando si può andare

Giornate di raccolta funghi:

La raccolta dei funghi è consentita nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre, nelle giornate di martedì, venerdì, sabato, domenica ed in tutte le festività infrasettimanali.

I proprietari di terreni e i loro familiari non sono soggetti alle limitazioni delle giornate di raccolta nei soli fondi di proprietà o possesso.

Tipi di titolo disponibili per raccolta funghi:

TitoloValiditàResidenti AlpagoNon Residenti
GiornalieroNel giorno richiesto in giorni consentitiNon disponibile6 Euro
Mensile30 giorni continuativi dalla data del rilascio in giorni consentitiNon disponibile30 Euro
AnnualeValido fino al 31 dicembre dalla data di rilascio nei giorni consentiti
5 Euro

50 Euro
Tabella Titoli Raccolta Funghi Alpago

Per la raccolta dei funghi epigei spontanei nell’ambito del territorio di competenza dell’Alpago servono:

  • Ricevuta di versamento di contributo ad uno degli appositi enti [tabella sotto]. 
  • Documento di identità in corso di validità.
  • L’età minima per il rilascio del titolo per la raccolta è di 14 anni.

Enti abilitati al rilascio titolo raccolta funghi Alpago e Cansiglio:

Soggetto Rilascio TitoloIndirizzo
Comunità Montana AlpagoPiazza Papa Luciani n.7, Puos d’Alpago
Comune AlpagoMunicipio di Pieve, Puos o Farra cliccando qui
Comune TambrePiazza 11 Gennaio 1945 n.1, Tambre d’Alpago
Comune ChiesPiazza Roma, n.1, Lamosano
Soggetti per il rilascio licenza raccolta funghi Alpago

La ricevuta di versamento deve riportare:

  • importo pagato
  • dati del titolare
  • periodo di riferimento della validità del titolo 

Come ottenere la ricevuta di pagamento per il permesso raccolta funghi in Alpago e Cansiglio?

Per ottenere il permesso raccolta di funghi nel territorio dell’Alpago si può scegliere una (solo una) delle seguenti opzioni:

  • Ricevuta di versamento rilasciata da uno degli enti nella tabella sopra, oppure 
  • Ricevuta di versamento su conto corrente di tesoreria n. IT38L0622512186100000046304 intestato alla Comunità Montana dell’Alpago.
  • Ricevuta di versamento su conto corrente postale n. IT34A0760111900000012594321intestato alla Comunità Montana dell’Alpago.

Limiti di raccolta funghi Alpago:

La raccolta giornaliera pro-capite dei funghi epigei commestibili è limitata complessivamente a Kg. 3, di cui non più di Kg. 1 delle seguenti specie:

  • AGROCYBE AEGERITA (Pioppini);
  • AMANITA CAESAREA (Ovoli);
  • BOLETUS gruppo edulis (Porcini);
  • CALOCYBE GAMBOSA (Tricholoma Georgii) (Fungo di S. Giorgio, Prugnolo);
  • CANTHARELLUS CIBARIUS (Finferlo, gallinaccio);
  • CANTHARELLUS LUTESCENS (Finferla);
  • CLITOPILUS PRUNULUS (Prugnolo);
  • CLITOCYBE GEOTROPA;
  • CRATERELLUS CORNUCOPIOIDES (Trombetta da morto);
  • MACROLEPIOTA PROCERA e simili (Mazza di tamburo);
  • MORCHELLA tutte le specie compresi i generi Mitrophora e Verpa (Spugnola);
  • POLYPORUS poes caprae;
  • TRICHOLOMA gruppo terreum (morette);
  • RUSSULA VIRESCENS (verdone).

Modalità di raccolta funghi:

  • La ricerca dei funghi è vietata durante le ore notturne, da un’ora dopo il tramonto a un’ora prima della levata del sole.
  • Nella raccolta dei funghi epigei è vietato l’uso di rastrelli, uncini o altri mezzi che possono danneggiare lo strato umifero del terreno, il micelio fungino e l’apparato radicale della vegetazione. 
  • È vietata la distruzione volontaria dei carpofori fungini di qualsiasi specie.
  • È fatto obbligo ai cercatori di pulire sommariamente i funghi all’atto della raccolta e di riporli e trasportarli in contenitori rigidi ed aerati atti a consentire la dispersione delle spore.

Divieti di raccolta

La raccolta di funghi epigei è vietata in:

  • Riserve naturali integrali e aree ricadenti in parchi nazionali, in riserve naturali e in parchi naturali
  • In aree di particolare valore naturalistico e scientifico, individuate degli enti locali interessati.
  • La raccolta è vietata nei giardini, nei parchi privati per tutta l’estensione e nei terreni di pertinenza degli immobili ad uso abitativo per un raggio di 100 metri, salvo che ai proprietari stessi. 
  • Aree urbane a verde pubblico e per una fascia di 10 mt. dal margine delle strade di viabilità pubblica, nelle aree recuperate da ex discariche e nelle zone industriali.

Vigilanza e sanzioni per contravventori

La vigilanza sull’applicazione della presente legge è demandata al personale del Corpo Forestale dello Stato, all’Arma dei Carabinieri, alle guardie venatorie provinciali, agli organi di polizia urbana e rurale, agli operatori professionali di vigilanza e ispezione delle Unità sanitarie locali.

Sanzioni amministrative:

  • Confisca del prodotto che deve essere distrutto in loco, innanzi al trasgressore o consegnato, previo controllo micologico da ente qualificato.
  • In caso di raccolta eccedente il consentito, la confisca riguarderà solo la parte eccedente, in caso invece di violazione alle altre disposizioni la confisca sarà su tutto il raccolto.
  • Da 50,00 euro a 208,00 euro per chi esercita la raccolta dei funghi senza il titolo per la raccolta.
  • Euro 78,00 moltiplicati per ogni kg, o frazione di esso, di funghi raccolti oltre la quantità consentita.
  • euro 20,00 moltiplicati per ogni kg, o frazione di esso, di funghi raccolti oltre la quantità consentita per la specie armillaria mellea (chiodini).
  • Da euro 52,00 a euro 104,00 per ciascuna violazione ai divieti e prescrizioni sulle modalità di raccolta.

Non solo Cansiglio: zone ricche di funghi e meno conosciute in Alpago

Siccome il Cansiglio è uno dei luoghi più famosi per la raccolta funghi in Alpago, questo significa anche maggior competizione con altri fungaioli alla ricerca di finferli, porcini e altre delizie del sottobosco.

Vediamo in seguito alcune zone ideali per la raccolta funghi nel territorio dell’Alpago:

  • La Valturcana e pendii boscosi ad essa adiacenti, ad esempio le località comprese tra Cornei, Malolt, Facchin, Coleta e Ziot.
  • Le pendici del monte Dolada ed i suoi pendii boscosi
  • La parte boscosa nei pressi del Colle di San Pietro vicino all’abitato di Valzella
  • Il bosco circostante il sentiero della Madonna Del Runal sopra Farra d’Alpago
  • La parte boscosa dell’Alpago alto, tra San Martino d’Alpago e le montagne circostanti
  • La zona adiacente la parte ovest del Lago di Santa Croce in salita verso il monte Visentin.
  • e molte altre!

Se avete ulteriori domande o dubbi sulla raccolta funghi in Alpago e Cansiglio, non esitate a contattarci in questa pagina.