Image description

Cimbri del Cansiglio

Quando si parla di popoli antichi che hanno attraversato le pagine della storia europea, il nome dei Cimbri potrebbe non essere il primo che ci viene in mente. Tuttavia, questi nomadi del nord hanno lasciato un segno indelebile nell’antica Europa e hanno sfidato persino la potente Roma. Esploriamo insieme chi erano i Cimbri, le loro migrazioni, battaglie e l’impatto sulla cultura moderna, oltre alla loro presenza nel Cansiglio.

Origini dei Cimbri

Le origini esatte dei Cimbri rimangono avvolte nel mistero. Alcuni storici ritengono che provenissero dalla penisola scandinava, in particolare dalle zone dell’odierna Danimarca. La prima menzione di questo popolo risale alle cronache romane, in cui sono descritti come una tribù germanica o celtica, notoriamente guerriera.

Migrazioni e incontri con Roma

Nel corso del II secolo a.C., i Cimbri iniziarono una serie di migrazioni attraverso l’Europa, spostandosi verso sud. È durante questo periodo che entrarono in contatto – e in conflitto – con l’Impero Romano. La più nota di queste battaglie è quella di Arausio (105 a.C.), dove le legioni romane subirono una pesante sconfitta.

Tattiche militari e organizzazione

Pur essendo spesso in inferiorità numerica rispetto ai nemici che affrontavano, i Cimbri avevano tattiche militari avanzate. La loro formazione in battaglia, spesso descritta come una sorta di “muro di scudi”, era tanto flessibile quanto impenetrabile, consentendo loro di affrontare eserciti più grandi e meglio equipaggiati.

Cultura e religione

Poco si sa della cultura e della religione dei Cimbri, ma quello che sappiamo suggerisce che avevano una forte connessione con la natura e veneravano diversi dei. Alcuni riti e usanze sembrano avere paralleli con altre culture germaniche e celtiche.

La fine dei Cimbri e l’ultimo stand contro Roma

La fine dei Cimbri avvenne nel 101 a.C., quando furono sconfitti da Gaio Mario e Lucio Cornelio Silla nella Battaglia di Vercellae. Questa sconfitta segnò la fine della loro minaccia per l’Impero Romano e la loro presenza significativa nella storia europea. 

L’eredità dei Cimbri oggi

Mentre la presenza diretta dei Cimbri nella storia europea potrebbe essere terminata con la loro sconfitta a Vercellae, il loro impatto culturale continua. In particolare, nelle regioni montane del nord Italia, le tradizioni e la lingua cimbra sono state conservate e celebrate, offrendo uno sguardo affascinante su questo popolo antico.

I Cimbri del Cansiglio: Storia e Eredita’ di un’Antica Comunità

L’area del Cansiglio ha una storia affascinante legata ai Cimbri, in particolare a una famiglia, gli Azzalini. Esploriamo come questa famiglia e la comunità cimbra abbiano influenzato la regione del Cansiglio.

L’arrivo degli Azzalini e la nascita di una comunità

Nel 1798, un artigiano di nome Azzalini Domenico, proveniente da Roana nel distretto di Asiago, fu incaricato dall’i.r. Presidenza dell’ Arsenale Veneto di produrre doghe di faggio nel bosco del Cansiglio. Questa iniziativa lo portò a stabilirsi nella regione con la sua famiglia e un lavorante. Con il passare degli anni, i figli di Azzalini continuarono la tradizione di famiglia e estesero la loro attività alla produzione di scatole e bande di crivelli.

Espansione e Commercio

Il successo commerciale non tardò ad arrivare. Le manifatture di faggio prodotte dalla comunità cimbra non erano richieste solo nelle province venete, ma anche in luoghi lontani come la Dalmazia, Grecia, Turchia e persino la Sicilia. In poco più di sei decenni, quella piccola famiglia crebbe fino a diventare una comunità di oltre 200 persone, suddivisa in cinque colonie, tutte situate nel cuore del Cansiglio.

Preoccupazioni e Regolamentazioni

Tuttavia, con la crescita vennero anche le preoccupazioni. La rapida espansione della comunità, favorita dal clima salubre del Cansiglio e da altre circostanze, sollevò dubbi sulla sostenibilità della loro attività. In particolare, vi era la preoccupazione che le risorse del bosco potessero esaurirsi, dato che le piante adatte alla loro manifattura diventavano sempre più scarse.

In risposta a queste preoccupazioni, il regio Aggiunto dell’ispettorato generale iniziò un’indagine, compilando statistiche e alberi genealogici delle colonie per comprendere meglio la situazione. Venne anche proposto un capitolato di disciplina per regolamentare l’utilizzo del bosco. Questo decreto proibiva nuove costruzioni nel bosco e limitava l’assegnazione di piante di faggio ed abete solo alle sette ditte originali della regione.

Lingua Cimbra e Legami Linguistici

La lingua cimbra, ormai estinta, mostrava chiari legami con le lingue germaniche. Alcune tracce di questa lingua possono ancora essere trovate in alcune regioni alpine dell’Italia, dove piccole comunità cimbre hanno continuato a vivere e mantenere le loro tradizioni.

Conclusioni

La storia degli Azzalini e della comunità cimbra nel Cansiglio è un perfetto esempio di come le tradizioni e le attività economiche possano plasmare e influenzare una regione. Mentre la foresta del Cansiglio continua a essere un tesoro naturale, la storia dei Cimbri rappresenta una parte integrante del suo ricco tessuto culturale.